Villa Monti Lepini è...
Relax, Natura, Shopping e divertimento!
Stefano Tomassetti & Serena Grey
il 23 gennaio 2015 ospite presso il RistoClub Villa Monti Lepini
Prenotazione
Tutte le info per prenotare
Le Camere
http://www.villamontilepini.it/joomla/it/camere
Le attità
numerose sono le attività e le attrazioni ...

Accesso Utenti

Ultimo Video

Inaugurazione con Maurizio Mattioli e Marko Tanka

 MONTI LEPINI


La Villa Monti Lepini nasce all'inizio del Parco dei Monti Lepini. Immersa nel verde offre la possibilità già dalla sua posizione strategica di lunghe passeggiate per i sentieri dei monti lepini. Assolutamente per gli amanti delle ecursioni da non perdere la giornata del Pellegrino che si tiene ogni 31 maggio, da piana della Faggeta a Monte Semprevisa. Dal paese di Montelanico si raggiunge la località di Pian delle Faggeta (882 m) nel comune di Carpineto Romano dove si parcheggia l’automobile. Da qui inizia il sentiero dell'anello della Semprevisa che passa prima vicino ad una pianta di tasso e poi nei pressi alla Fonte dell’Acquicciola. Dopo alcuni tornanti si prosegue verso una cresta dove si possono ammirare il Monte Malaina e il Monte Gemma e quindi si attraversa un bosco di faggi al termine del quale ci si ritrova nella suggestiva Piana dell’Erdigheta dove si apre uno spettacolare panorama a 360° sulla pianura, le isole pontine e l’intero litorale laziale. Si continua a salire per l’ampio pianoro erboso fino ad incontrare la vetta delMonte Pizzone (1.313 m). Da qui si prosegue sulla cresta e si raggiunge in pochi minuti il Monte Erdigheta (1.336 m), si incrocia il percorso che porta all’Eremo di Sant’Erasmo, quindi attraversato un bosco di faggi, (possibile piccola deviazione verso destra per la Fonte del Sambuco), si possono notare gli imbocchi recintati di due abissi (ovisi) che si inabissano per centinaia di metri all’interno di questo terreno carsico. Si raggiunge quindi la vetta del Monte Semprevisa (1.536 m) da dove si può godere un panorama veramente affascinante sul litorale pontino. Da qui inizia la discesa che passando per un fitto bosco di faggi arriva alla “Sella” dove si incrociano i sentieri che portano alla Fonte Rapiglio e al Monte Capreo. Si prosegue sempre in discesa e si arriva alla Fonte dell’Acqua di Mezzavalle e quindi al punto di partenza iniziale di Pian della Faggeta. 

 

 

CASTELLI ROMANI


I Castelli Romani sono luogo di grande ricchezza naturale e paesaggistica, enogastronomica e culturale-artistica. Anche in passato hanno rappresentato un luogo di riposo e rigenerazione importante per i nobili dell’antica Roma, che qui amavano trascorrere i loro “otia”; per i Papi, che stabilirono a Castel Gandolfo la loro sede estiva; e per i viaggiatori del “Grand Tour”, che non rinunciavano ai Castelli Romani come prestigiosa méta dei loro viaggi. Una cucina deliziosa e prodotti tipici che conservano i sapori del passato sono accompagnati da ottimi vini, la cui produzione affonda le radici nelle terre vulcaniche dei territori del distretto. Tra le molte le attività possibili nei dintorni di Villa Monti Lepini si possono organizzare anche wine tasting in aziende vinicole DOC di Frascati; è possibile inoltre prenotare visite guidate a Roma, Tivoli, Ostia Antica e nella zona dei castelli Romani.

Diciassette sono i comuni che fanno parte dell’Area dei Castelli Romani. Situata all’interno del grande Vulcano Laziale, questa zona è ricca non solo di bellezze paesaggistiche, rappresentate dai due laghi vulcanici di Albano e di Nemi e dal Parco Regionale dei Castelli, che abbraccia tutto il territorio, ma anche di contenuti storico-culturali; infatti comprende resti di ville romane, ville rinascimentali e splendidi borghi. Tale area è nota anche per la gastronomia e per le tradizioni locali.Famosi sono i numerosi vini D.O.C. quali il Frascati, il Marino, il Colli Albani, il Colli Lanuvini, il Montecompatri e il Velletri, che ben si accompagnano ai piatti della cucina locale: pajata, cacio e pepe, pasta e fagioli, abbacchio a scottadito, pollo alla diavola e coda alla vaccinara.

 

I LAGHI


Castel Gandolfo – Lago Albano posta sulla sponda occidentale del Lago di Albano e sorta secondo la tradizione sul sito dell’antica Alba Longa fondata dal figlio di Enea, Castel Gandolfo è oggi forse più nota per essere la residenza estiva dei papi (dal 1597). Castel Gandolfo è un’oasi di tranquillità ricca di tradizioni storiche. Oltre al celebre Palazzo Pontificio, il piccolo centro ospita opere di grande pregio come la Chiesa di San Tommaso da Villanova, Piazza della libertà e la stupenda Fontana del Bernini. La vicinanza del lago, nella bella stagione, permette ai numerosi turisti di praticare diversi sport acquatici e piacevoli passeggiate.

Nemi e il suo lago Nemi sorge sullo “specchio di Diana”, l’omonimo lago nel quale si specchia da sempre il paese. Questa piccola perla nel cuore del cratere vulcanico è resa ancora più preziosa dal suo imponente Palazzo Ruspoli, dal giardino pensile e dallo splendido belvedere. Duemila anni fa questo lago diveniva ambientazione di spettacolari feste in onore di Caligola, organizzate su due enormi navi che oggi è possibile ammirare in scala ridotta, dopo la distruzione delle originali durante la Seconda Guerra Mondiale, nel Museo delle Navi situato sulle sponde. Una visita ulteriore merita il cunicolo dell’Emissario.

 

ROMA


La città eterna mostrandosi in tutta la sua bellezza sia di giorno, in cui si possono distinguere alcune delle cupole della città, tra cui l’imponente sagoma della Cupola di San Pietro, sia la sera quando al calare del sole la città si accende rivelando l’altro volto del suo immenso fascino. Villa Monti Lepini mette a disposizione una navetta da e per la stazione FS di Colleferro che dista soltanto 35 minuti di treno dalla stazione di Roma Termini.

 

TIVOLI


Antica città latina con il nome Tibur, chiamata da Virgilio con il titolo di Tibur Superbum (Eneide, Lib. VII) che tuttora campeggia nello stemma cittadino, si vanta di essere più antica di Roma (1265 a.C.). Nel I secolo a.C., Tivoli divenne fra l'altro sede di molte ville di ricchi romani, come testimoniano i numerosi resti. Quelle ancor oggi note e identificate sono attribuite a Orazio, a Cassio, a Quintilio Varo, a Manlio Vopisco (i cui resti sono incorporati nell'attuale Villa Gregoriana). Il culmine di questi insediamenti è rappresentato dalla villa di Adriano del II secolo a.C. L’enorme area comprende oggi circa trenta edifici.

Le parti più celebri e suggestive del complesso sono il Teatro Marittimo, il Pecile, e il Canopo. Altro luogo di rilievo della città è sicuramente Villa d’Este, voluta dal cardinale Ippolito II d'Este. Il sistema innovativo utilizzato per far funzionare tutte le spettacolari e suggestive fontane della villa consisteva in un reticolo di tubazioni passanti sotto la città che adduceva l'acqua direttamente dall'Aniene. Tutte le fontane erano alimentate senza uso di alcun congegno meccanico, ma soltanto sfruttando la pressione naturale. Villa D'Este come anche Villa Adriana sono oggi patrimonio dell'UNESCO.

Joomla 3.0 Templates - by Joomlage.com